La grande scommessa

Cominciamo da qui…

Non riesco a pensare a periodo migliore di questo per trovarsi riuniti attorno ad un tavolino e dare il via a La Grande Scommessa, The Big Short. Io punterei tutto sul rosso e farei l’impossibile per comprare all’asta il lattante anche se si sa, non arriva mai tra le cinque carte finali.

Il regista americano Adam McKay, invece, ha deciso di puntare su un cast d’eccezione, giocandosi una storia vera ispirata al libro bestseller di Michael Lewis per La sua ultima Grande Scommessa.

Non una semplice puntata hollywoodiana su attori di grido come Brad Pitt, Christian Bale, Steve Carell, Ryan Gosling; ma una grande giocata, un film che oltre ad avere un bottino ricco di nomi ben noti, ha anche una storia accattivante a reggere una posta piuttosto alta.

A quanto pare, sotto Natale, c’è chi scommette contro l’economia americana e chi scommette contro il nonno che lo sappiamo tutti, fa vincere sempre i nipoti, qualunque età loro abbiano. Ma poi non ci meravigliamo del perché io faccio la web editor e Adam McKay sforna film come Anchorman, Fratellastri a 40 anni e, in questi giorni, La Grande Scommessa.

Che cosa scommette il regista in questo film? Semplicemente le sorti dell’economia mondiale.

Vediamo come si svolge La Grande Scommessa…[NO SPOILER]

Quattro investitori visionari – al contrario di quanto mostrato dalle grandi banche, dai media e dal governo stesso – intuiscono che l’andamento dei mercati finanziari avrebbe portato alla crisi mondiale dell’economia.
I loro coraggiosi investimenti li porteranno nei meandri oscuri dei sistemi bancari moderni, facendoli dubitare di tutto e tutti.

E così mettono in atto La Grande Scommessa.

Al tavolo del gioco troviamo Christian Bale, Steve Carell, Ryan Gosling e Brad Pitt, i quattro protagonisti di quest’avvincente “giocata”. Un tavolo a cui siederei volentieri anche io se solo mi avessero invitata, con la mia carta del lattante in una mano e i dadi nell’altra.

Ma per il momento ho ricevuto solo un invito al cinema, che ho accettato senza pensarci su due volte.
Mi accomoderò su una comoda poltrona di velluto (se mi dice bene), con una busta di pop corn e una coca sulle gambe, e guarderò i nuovi fantastici quattro di Hollywood puntare tutto su La Grande Scommessa.
E che vinca il migliore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *